Otto lavoratori dipendenti della Servizi Innovativi s.r.l. ed adibiti al servizio di centralino e portierato presso la Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II saranno licenziati a far data dal 1° gennaio 2017: la notizia è stata resa nota dal sindacato Uiltucs. La Fondazione, infatti, dal 31 dicembre 2016 sospenderà il servizio di centralino, mandando a casa otto persone.

“E’ un fatto gravissimo, ingiustificabile, tremendamente scorretto: otto persone, che da anni svolgevano il servizio di centralino, ma che operavano in Cattolica, con altre funzioni, ancor prima della sua apertura, vengono mandate via con solo due giorni di preavviso, nonostante le finte rassicurazioni del Presidente della Regione.

Ed allora la Uiltucs Molise, in persona del Segretario Generale Pasquale Guarracino, chiede a Monsignor Bregantini di attivarsi immediatamente, come già fatto nel recente passato, presso la sede della Fondazione di ricerca e cura Giovanni Paolo II per aiutare la Uiltucs e i lavoratori a far rientrare questo ennesimo dramma sociale. Ed alla politica molisana, al Presidente della Regione, all’Assessore al Lavoro fantasma, la Uiltucs Molise chiede di smetterla, una volta per tutte con i falsi proclami. “Non è vero che nessuno è stato mandato a casa, sono state toccate otto famiglie molisane, in maniera improvvisa: trovate una soluzione immediatamente e dimostrate di essere in grado di risolvere almeno un problema” dichiara Pasquale Guarracino.

Al Presidente della Regione, la Uiltucs Molise ribadisce la propria richiesta di incontro urgente, precisando che attiverà anche un tavolo presso la Prefettura, per discutere dell’emergenza.

In ogni caso, la Uiltucs Molise metterà in piedi manifestazioni e proteste a tutti i livelli, per la salvaguardia di questi otto posti di lavoro”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*