I cittadini di Salcito, venerdì scorso era in programma una riunione presso la sala consiliare del comune per decidere nuove azioni di protesta, tornano a chiedere la riapertura del tratto della SP 15 che collega il paese a Bagnoli del Trigno in provincia di Isernia.
Da tempo, ormai, la strada è chiusa al traffico perché dopo l’interruzione dovuta ai problemi di stabilità del ponte n. 59 anche la bretella che era stata creata per aggirarlo è stata distrutta dalle intemperie. Una situazione che si protrae da alcuni anni con pesanti ripercussioni soprattutto per le aziende avicole della zona.
I residenti, ma anche i camion che trasportano mangime e polli per le aziende di questo settore, sono costretti ad utilizzare una strada interpoderale con tutti i rischi che questo può comportare specie per i mezzi pesanti. Alcuni mesi fa anche il tratto della SP 15 in direzione Trivento e Campobasso era stato chiuso al traffico per il cedimento strutturale di un altro ponticello.
Dopo alcune settimane, grazie anche alle proteste dei cittadini, la Provincia di Campobasso riuscì a trovare i fondi necessari per il suo consolidamento con la riapertura al traffico della strada. Sebbene il tratto della SP 15 in direzione Bagnoli del Trigno sia meno trafficato rispetto a quello che in direzione opposta conduce a Campobasso resta comunque incomprensibile come non si riesca ancora a riaprire almeno la bretella per aggirare il ponte chiuso.
I cittadini, esasperati da questa situazione, nei prossimi giorni non escludono proteste clamorose per attirare l’attenzione delle istituzioni che dovrebbero provvedere alla riapertura dell’arteria.
Durante il periodo invernale anche la strada di bonifica montana “Grotte”, che collega Salcito alla “Trignina”, in caso di neve o ghiaccio è a rischio chiusura. All’inizio dell’inverno il comune aveva emanato un’ordinanza per tutelare l’incolumità degli automobilisti non potendo garantirne la piena percorribilità con condizioni meteo avverse. Situazione difficile, quindi, su tutta la viabilità del paese, sia provinciale che comunale.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*