Dopo le polemiche della settimana scorsa, torna finalmente a riunirsi la IV commissione. Il summit dell’organo consiliare si terrà giovedì pomeriggio a Palazzo San Francesco ed è stato sollecitato dalla vice presidente Filomena Calenda. L’esponente di minoranza ha inviato una lettera al sindaco, all’assessore alle politiche sociali e alla presidentessa della commissione per chiedere la convocazione e che, nel corso della riunione, si affronti un tema delicato e importante qual è quello del trasporto per i disabili. Su tale argomento Mena Calenda è sempre stata in prima linea e stavolta l’idea che porterà all’attenzione dei colleghi è quella di approntare un regolamento che possa ampliare la fruizione del servizio.
«In passato il trasporto dei disabili era in capo alla Provincia ed era fondato sui cosiddetti ‘taxi della solidarietà’ – ha dichiarato -. Poi questa competenza è stata demandata al Comune che a sua volta ha dato la responsabilità della gestione all’Ambito territoriale. Le risorse finanziarie si sa sono poche e quindi bisogna verificare come si può fare, intanto inizieremo a lavorare su un regolamento per mettere a disposizione questo trasporto non solo dei ragazzi che devono andare a scuola, com’è attualmente, ma anche delle persone che devono recarsi in strutture di cura o di riabilitazione, oppure ancora sul posto di lavoro. Molte di loro non possono contare su qualcuno che le accompagni e ciò vuol dire che questo è un aspetto molto importante. Nonostante i fondi siano sempre di meno un disabile deve sentirsi tutelato e poter accedere al servizio. Un regolamento è in grado di garantire a tutti di essere ben assistiti ed è necessario. Vedremo quali sono i parametri da inserire attraverso una verifica che faremo con tutti i membri della commissione».
Proprio la IV commissione qualche giorno fa era stata l’oggetto della dura diatriba tra l’esponente in Consiglio di Casapound Francesca Bruno e l’assessore alla cultura Eugenio Kniahynicki. La giovane amministratrice aveva lamentato i tempi ‘lumaca’ dell’organo e chiesto altresì le dimissioni della presidente Pitisci. In difesa della collega di partito, Kniahynicki aveva dichiarato che, a suo avviso, l’interesse per le convocazioni della commissione in realtà era riferito solo al gettone di presenza. Tali frasi hanno poi fatto deflagrare la questione nel corso dell’ultima seduta del Consiglio e proprio Mena Calenda aveva ricordato all’assessore il ruolo fondamentale delle commissioni.
«La IV commissione si occupa di sociale, del Suap, dei mercati – ha sottolineato la consigliera -. È un organo che in passato ha licenziato provvedimenti come il regolamento sul decoro urbano, purtroppo mai attuato. Simo sempre molto propositivi e lo facciamo per le aspettative che ripone in noi la città. Il trasporto dei disabili rientra in quei servizi di natura socio-assistenziale del Comune e credo che l’amministrazione possa metterlo a disposizione ad esempio tramite una domanda individuale e adeguarlo alle esigenze di ognuno, sia dal punto di vista degli orari delle corse dei pullmini, sia degli strumenti che questi mezzi devono avere, come le pedane per far accedere le carrozzine. Queste persone hanno reali problemi nella loro mobilità, quindi regolare il tutto potrà essere un grande vantaggio. La proposta che licenzieremo verrà portata in Consiglio per diventare oggetto di una delibera. Poi chiederemo l’aiuto anche di Enzo Grande, il responsabile dell’Ambito e dell’assessore alle politiche sociali Pietro Paolo i Perna».
VC

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*