Che sta succedendo al Comune di Portocannone? Non a livello politico, ma tecnico-amministrativo. Il segretario comunale Daniela Mazza, insediata con l’amministrazione Caporicci, ha protocollato un atto di disconoscimento di ben 15 determine dell’ufficio tecnico. Ecco la sequenza numerica: 43, 44, 45, 46, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 60, 62, 63 e 64. La stessa, quale responsabile a interim dell’ufficio tecnico comunale, ha preso il posto del vecchio responsabile, decaduto per effetto della dichiarazione del dissesto finanziario dell’ente. L’atto di disconoscimento è datato 30 giugno scorso (protocollo 2805) e si riferisce a questi atti pubblicati dal 28 aprile al 5 giugno, su provvedimenti di pulizia strade, verde, manutenzioni e impegni di spesa, che mai ha sottoscritto a sua firma. In questo modo, viene decretata la nullità delle determine. La dottoressa Mazza si riserva anche di promuovere un’azione a sua tutela. Ma cosa è successo in concreto? «Sulle cartelline relative ad alcune determine (51, 52, 53, 57 e 60) è stata apposta firma falsa della quale lei disconosce la paternità», si legge nell’atto del 30 giugno. In generale, sono state adottate a nome della Mazza, che disconosce integralmente in diritto e in fatti sia il contenuto che la forma.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*