E’ già polemica dopo la presentazione delle liste per il rinnovo del consiglio provinciale (il presidente resterà sempre Lorenzo Coia). Questa mattina sono state due le griglie presentate alla scadenza fissata per la tornata elettorale di secondo livello. A votare, infatti, saranno gli amministratori e non i cittadini.

Le due liste in competizione

Da un lato si fronteggia la lista “Insieme per la Provincia” vicina al presidente Coia, formata da molti uscenti ed esponenti del centrosinistra (con qualche ex del centrodestra). La lista è formata da: Cristofaro Carrino, Daniele Saia, Myke Matticoli, Nicolino Colicchio, Sergio Calleo, Fabrizio Tombolini, Pasquale Di Nucci, Filomena Amodei, Roberto Di Pasquale, Pierluigi Pacitti.

Dall’altro lato “Coscienza Civica” composta da Roberto Amicone, Salvatore Azzolini, Giuseppe Di Pilla, Giovanni Fantozzi, Vincenzo Margiotta, Guido Milanese, Giovanni Tesone, Pasquale Barile.

Le polemiche

A distanza di pochi minuti dalla presentazione dei due raggruppamenti, è arrivata la netta presa di posizione di Fratelli d’Italia che, dopo aver chiesto liste unitarie del centrodestra, si sfila dalla competizione rimarcando: “In un contesto nel quale prevalgono inciuci  tra centrodestra e centrosinistra, lotta di poltrone, disinteresse assoluto dei partiti nazionali, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale non partecipa alla competizione elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Isernia. Abbiamo chiesto a tutte le forze politiche ed a tutti i movimenti civici di stare insieme, di fare un’unica lista di centro destra. Lo abbiamo fatto con impegno, determinazione e convinzione ma purtroppo questo non è stato possibile nonostante i nostri sforzi.

Purtroppo constatiamo che ci sono ancora persone e movimenti che lavorano per dividere. Strategie diverse, obiettivi regionali di protagonismo, fughe in avanti, assenza di regole condivise, inciuci e personalismi vari hanno ancora una volta condizionato le scelte”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*