Due tappe, Isernia e Termoli. Una visita che precede di poco lo stop della settimana di ferragosto. E che porterà in Molise uno dei ministri più potenti del governo e fra i più autorevoli esponenti del Pd.
Per ora è un’indiscrezione, ma assai fondata. Il 9 agosto arriva il titolare delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. Insieme a lui, da quello che è trapelato, ci sarà anche l’amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile. Il programma, il motivo della visita e se saranno definiti progetti o protocolli: su questi dettagli vige ancora il più stretto riserbo. Si sa solo che Delrio dovrebbe firmare un nuovo progetto con la Regione e Rfi. È logico comunque pensare che con il massimo esponente di Rete ferroviaria italiana e con il ministro Delrio il governatore Paolo Frattura e l’assessore Pierpaolo Nagni faranno il punto sull’obiettivo di elettrificazione della tratta – il primo step è da Roccaravindola a Isernia – per renderla moderna e in grado di essere percorsa anche da treni migliori rispetto a quelli assai datati che tanti disagi stanno provocando anche in queste ultime settimane ai passeggeri. L’appuntamento a Termoli invece rinvia alla questione del raddoppio ferroviario nel tratto da Lesina al territorio molisano.
Il ministro, secondo rumors non ancora confermati, potrebbe addirittura pensare di arrivare da Roma con il nuovo Swing, in esercizio da poco sulla linea da Campobasso alla Capitale (con alterne performance e fortune però). Questa e altre decisioni sarebbero comunque tuttora da definire. Quello che sembra certo è che Delrio e Gentile mercoledì prossimo saranno in Molise. Ad accoglierli oltre ai vertici della Regione anche quelli di Trenitalia.

2 Commenti

  1. Mario scrive:

    Speriamo non si ci concentri solo sull’elettrificazione della linea come panacea per il male atavico che affligge questa linea. Oltre all’ eliminazione definitiva delle vecchissime AL a favore di minuetto e Jazzy, il vero problema risiede nel fatto che il numero delle carrozze a disposizione per la tratta Campobasso- Roma è sottodimensionato rispetto alla quotidiana esigenza dei pendolari. Ad esempio ogni volta che prendo questo stramaledetto treno alla stazione di Isernia, arriva già pieno da Campobasso e,quando va bene, riesco a sedermi solo a Cassino perché scende qualche universitario…

  2. emanuela scrive:

    Speriamo che almeno il ministro capisca che i trasporti possono essere un volano economico per la regione, vedi turismo,vedi servizio per i pendolari ecc. Al giorno d’oggi l’isolamento di un territorio è una sorta di condanna sotto tutti gli aspetti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*