L’obiettivo era aumentare i voti delle recenti politiche, invece CasaPound ha finito con il dimezzarli. Con oltre 300 candidati in campo, la missione non era certo delle più semplici. Agostino Di Giacomo non nega di essere amareggiato per il responso delle urne. Se tutto il Molise avesse però votato come il suo comune – Montaquila – il movimento di estrema destra probabilmente avrebbe potuto festeggiare e non deprimersi.
«Come in realtà sapevamo – dichiara il candidato governatore di CasaPound – le regionali sono diverse rispetto alle politiche. Il 4 marzo scorso con il voto d’opinione, che è proprio delle elezioni politiche, per noi era andata meglio anche se a farla da padrone erano stati soprattutto 5 Stelle e Lega. In Molise siamo stati vittime del voto “clientelare” – spiega dunque Di Giacomo -: addirittura anche tanti nostri simpatizzanti ed elettori ci hanno confessato la “costrizione”, per motivi di lavoro o di parentela, a votare per questo o quel candidato consigliere».
Dunque, c’è sì «amarezza perché ci aspettavamo qualcosa in più», ma CasaPound, promette Agostino Di Giacomo, «ripartirà da qui e ricomincerà subito a mettere in campo azioni ed attività per il territorio». Il bicchiere mezzo pieno l’aspirante governatore lo vede nell’omogeneità del risultato: «Nonostante il risultato negativo, ci stiamo allargando e radicando su tutta la regione, anche a Campobasso e Termoli dove iniziamo ad avere delle risposte».
A Montaquila, come detto, CasaPound ha superato di pochissimo il 3% anche se – confessa lo stesso Di Giacomo – «pure nel mio comune come altrove abbiamo trovato ostacoli ed elettori “vincolati”».
Sia come sia, da oggi «come annunciato in campagna elettorale quando dissi che chiunque avrebbe vinto io mi sarei fatto sentire con le nostre proposte, ribadisco che chiunque fosse interessato a fare proprie le nostre istanze, specialmente sulle politiche per il sociale, troverà la nostra disponibilità».
Il leader di CasaPound poi spende una buona parola per il neo governatore – «Toma sembra una brava persona» – anche se «per coerenza politica non ci siamo alleati e siamo andati da soli». In ogni caso, «stamattina (ieri, ndr) gli ho mandato un sms per congratularmi con lui, così come auguro buon lavoro a tutti gli eletti affinché operino per il bene del Molise e dei molisani».
Ric. Pre.

Un Commento

  1. giovannino scrive:

    ma l’opinione qual è?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*