Promulgata ieri la legge che modifica lo Statuto della Regione: da oggi il governatore può nominare cinque assessori e il sottosegretario.
Un adempimento che si intreccia con l’avvio del mandato dell’amministrazione Toma. E quindi con la scelta del numero degli assessori.
La legge, approvata in seconda lettura il 6 febbraio, è stata pubblicata per la seconda volta come prevedono le norme in materia. Per l’operatività delle disposizioni però c’era bisogno di aspettare il periodo in cui il governo nazionale può impugnarle o si può promuovere un referendum abrogativo. Trascorso questo periodo, dal 12 maggio scorso la legge era promulgabile. Il presidente Toma ha firmato ieri il testo – la prima legge con la sua sottoscrizione – che è stato pubblicato sul Burm. Ora è in vigore.
La giunta, dice il nuovo articolo 34 dello Statuto, è formata da massimo cinque assessori (un quinto dei consiglieri con arrotondamento all’unità superiore). L’articolo 35 bis, introdotto dalla legge 4/2018, è nominato dal presidente della giunta tra i consiglieri eletti, non percepisce indennità aggiuntiva e coadiuva il governatore nel rapporto con il Consiglio: partecipa ai lavori della giunta anche se non vota, può essere incaricato di seguire questioni specifiche e delegato a rispondere alle interrogazioni in Assise.
Statuto rinnovato e riforma elettorale portano all’ingresso a Palazzo D’Aimmo di altri quattro (per il momento quattro) competitor del 22 aprile. È in particolare la legge elettorale a stabilire l’incompatibilità fra il ruolo di assessore e quello di consigliere. Quindi, in base alla nomina della giunta effettuata ieri con decreto da Donato Toma, lunedì il Consiglio prenderà atto della surroga dei quattro componenti dell’esecutivo con i primi dei non eletti delle loro liste. E cioè: Massimiliano Scarabeo e Nicola Romagnuolo (che subentrano a Nicola Cavaliere e Roberto Di Baggio di Forza Italia), Paola Matteo (entra al posto di Vincenzo Cotugno per Orgoglio Molise) e Antonio Tedeschi (per Vincenzo Niro dei Popolari per l’Italia).

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*