WE’RE BASKET ORTONA 75
AL DISCOUNT DYNAMIC VENAFRO 62
(20-19, 35-27; 53-40)
ORTONA: Musso 7, Gialloreto 21, Di Carmine A. 7, Di Carmine G. 14, Castelluccia 11; Martone 4, Svoboda 5, Abassi, Martelli 2, Agostinone 4. All.: Quilici.
VENAFRO: Rossi 7, Smorra 9, Tamburrini 12, Moretti 13, Kushchev 13; Minchella 7, Chiari 1, Cancelli, Carcillo, Pirozzi. All.: Mascio.
ARBITRI: Santilli (Macerata) e Bertuccioli (Pesaro Urbino).
NOTE: progressione punteggio: 10-9 (5’), 28-23 (15’), 45-35 (25’), 62-50 (35’).

LA FOTOGALLERY DEL MATCH

Cede nel recupero della quattordicesimo – e penultimo – turno d’andata l’Al Discount Dynamic Venafro che non riesce a dare continuità al successo di domenica scorsa contro il Sengiallia, perdendo di tredici in casa dell’Ortona.
Il primo quarto è all’insegna dei sorpassi e controsorpassi con ortonesi e venafrani che non riescono però a prendere margine significativo sui propri avversari. Ortona, alla fine, ha la testa avanti di una sola lunghezza alla fine del quarto (20-19).

L’avvio del secondo quarto è all’insegna di poca precisione al tiro – su entrambi i fronti – col primo canestro di Svoboda che arriva dopo 140 secondi effettivi con, sul fronte venafrano, problemi di falli per Moretti mentre gli abruzzesi hanno completato tutte le proprie dieci rotazioni a referto. Gli abruzzesi aumentano il margine portandolo a +8 con un parziale di 4-0, anche perché Venafro realizza solo dalla lunetta (Kushchev e Minchella), ed è questo il gap con cui si va all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi, Venafro prova a rientrare a -5 (tripla di Moretti) ma un 5-0 di controbreak abruzzese vale il vantaggio in doppia cifra per gli abruzzesi. La tripla di Rossi pare rianimare la Dynamic, ma i tre punti di Castelluccia riallargano la forbice, anche perché pur riportandosi sotto sono le conclusioni dall’arco dei tre punti ad aiutare gli abruzzesi che arrivano al 30’ su +13.

L’ultimo periodo vede i venafrani rientrare sino al -9 con il gioco da tre punti di Moretti. La tensione attanaglia entrambi i fronti con la via del canestro che inizia a farsi perigliosa. Gli ortonesi così mantengono il vantaggio in doppia cifra che, grazie anche alle giocate di Gianluca Di Carmine e Gialloreto (top scorer di serata a quota 21), ampliano sino al +18 (71-53) facendo di fatto scorrere i titoli di coda sul match.

Per i venafrani – domenica – altra trasferta abruzzese, stavolta in casa del Campli secondo della classe.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.