Strade dissestate, rifiuti abbandonati, sporcizia e animali che ‘transitano’ indisturbati. Questo lo scenario che accoglie gli isernini che ogni giorno, specie con l’arrivo della bella stagione, scelgono la zona di contrada ‘Le Piane’ per trascorrere qualche ora all’aria aperta a contatto con la natura, in una delle aree verdi del capoluogo pentro. Una situazione che va avanti da tempo e per questo riesplode la protesta dei residenti, ma anche dei tanti sportivi che scelgono il ‘parco’ per allenarsi. Già la scorsa estate, era stata consegnata al Comune una raccolta di firme per chiedere interventi concreti per la riqualificazione dell’intera contrada. I cittadini che sottoscrissero la raccolta di firme evidenziarono il generale stato di abbandono dell’area periferica del capoluogo pentro, dovuto al dissesto stradale, all’assenza di segnaletica, ma anche alla scarsa illuminazione e la mancanza di cestini per i rifiuti. I firmatari sottolineano inoltre la mancata cura degli argini del fiume. Insomma tutti elementi che, ad avviso dei sottoscrittori della petizione «rendono la zona Parco di Le Piane abbandonata e degradata».
Da allora sono trascorsi diversi mesi, ma ad oggi poco o nulla è stato fatto e per questo i malumori restano. E così a farsi portavoce del dissenso dei cittadini è Ernestina Laurelli, da tempo impegnata per segnalare lo stato di abbandono in cui versa la zona. «Ogni giorno dobbiamo fare i conti con troppe problematiche che interessano la contrada, il parco ‘Le Piane’ e la zona dello stadio comunale – ha affermato -. Le strade continuano ad essere dissestate, manca la segnaletica e l’illuminazione. Per non parlare dell’immondizia che viene abbandonata da persone prive di senso civico e incuranti dell’importanza del rispetto dell’ambiente. Non solo. Da anni assistiamo al transito nella zona di greggi di pecore. Sono circa quattrocento che pascolano anche nel letto del fiume Rava e nei punti di captazione degli acquedotti cittadini e delle sorgenti di San Martino». Dell’accaduto è stato naturalmente informato il sindaco della città Giacomo D’Apollonio «che – ha spiegato Laurelli – si è impegnato per revocare i permessi. Ma nonostante siano arrivate anche delle sanzioni, nulla è cambiato».
Una situazione di degrado e abbandono che ormai non può più essere tollerata e di cui è stata informata anche la Prefettura. Da qui un nuovo appello alle istituzioni perché si mettano in campo strumenti adeguati per restituire all’area il decoro che merita, anche perché si tratta di una delle zone più suggestive dal punto di vista naturalistico del capoluogo pentro. Intanto mancano pochi giorni al voto del 22 aprile, quando i molisani torneranno alle urne per eleggere il nuovo consiglio regionale. Per questo i cittadini di contrada Le Piane invitano anche tutti i candidati ad attivarsi per risolvere le criticità e impegnarsi per la valorizzazione del territorio.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*