Aveva ancora nella borsa le chiavi della casa in cui per anni aveva vissuto insieme all’uomo che per tanto tempo ha considerato il suo compagno di vita. E così, quando ha saputo che l’ex marito sarebbe rimasto fuori città per qualche giorno ha deciso di ‘saccheggiare’ l’appartamento, portando via mobili, porte e persino i servizi igienici. Solo che per farlo ha praticamente devastato l’abitazione e, per questo, è stata denunciata. Nei guai è finita una donna di Isernia, denunciata alla Magistratura dai Carabinieri della locale Compagnia, con l’accusa di danneggiamento e appropriazione indebita.
Stando a quanto ricostruito dagli investigatori, la casalinga – separata legalmente – conservava un mazzo di chiavi dell’appartamento. E per questo certa dell’assenza del suo ex, ne ha approfittato, sicuramente aiutata da qualcuno, per portar via gran parte del mobilio, insieme porte interne e parte dei servizi. Durante il ‘trasloco’ però sono stati provocati danni ingenti all’impianto elettrico e anche alle installazioni sanitarie e idriche.
Brutta sorpresa per il padrone di casa. Al suo rientro si è trovato di fronte una scena desolante. L’appartamento era rimasto praticamente vuoto e si presto reso conto che erano stati anche provocati danni ingenti. Naturalmente ha capito subito che ad agire non erano stati i ladri, ma la sua ex. Per questo, superato il primo momento di sconforto, ha deciso di denunciare l’accaduto ai Carabinieri. Grazie agli accertamenti eseguiti, i militari hanno accertato precise responsabilità da parte della donna.
E, sempre i Carabinieri della Compagnia di Isernia, hanno denunciato all’autorità giudiziaria competente un imprenditore agricolo perché. A seguito di una serie di verifiche i militari hanno accertato che l’uomo, senza alcun contratto ed in condizioni di sfruttamento e soprattutto approfittando dello stato di bisogno, faceva lavorare illecitamente e con continuità un operaio non regolarizzato secondo la vigente normativa. Per questo ora l’imprenditore dovrà ora dare conto ai giudice degli abusi commessi.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.